Trasporto senza soluzione di continuità: OTIF

Innovazioni: L'ITF / OTIF

"... Oltre 40% del tempo di trasporto lungo la via della seta si perde alle frontiere a causa di procedure inappropriate".

Dichiarazione di Stefan Schimming

segretario generale

OTIF

L'Organizzazione intergovernativa per i trasporti internazionali per ferrovia

Prima di tutto, dovrebbe essere chiaro ai lettori che nell'ambito di questo foro, solo "trasporto seamless" in termini di una zona geografica che è "globale" possibile possono essere discusse.

Parte di questo è la riflessione forse banale che al centro del trasporto merci è la volontà dei popoli e delle economie di costruire, stabilizzare e sviluppare la prosperità nazionale attraverso il commercio. Così i mezzi di trasporto in tutto il mondo fisiche sono "solo" la conseguenza materializzato di questo, e sono quindi "strumenti" necessari, motivati ​​da economia aziendale e la politica commerciale, utilizzati per il trasporto di merci.

Quando i governi e le organizzazioni intergovernative stanno creando le condizioni per cui il trasporto "senza soluzione di continuità" può avvenire, questa dimensione più globale richiede anche che i regolamenti efficienti essere impostati a un livello adeguato del diritto internazionale.

Tali regolamenti non possono essere basate su singoli standard nazionali, ma devono contenere misure pragmatiche, che, con le somme investite realistici, possono essere efficaci, e devono essere supportati da la motivazione per ottenere miglioramenti.

Se la volontà politica è quello di promuovere il commercio e il trasporto a lunga distanza di merci per ferrovia tra, ad esempio, l'Europa e l'Asia, non è un segreto che la competitività necessaria nel trasporto ferroviario può essere raggiunto solo rendendolo affidabile. Il cliente e il vettore deve essere in grado di contare non solo sul tempo di consegna, ma anche di essere in grado di calcolare in modo affidabile e prevedibile tutte le spese di trasporto che saranno sostenuti.

Allo stato attuale, sulla base del cosiddetto SCOR-Model (Supply Chain Operations Reference-modello), i calcoli comparativi può essere prodotto solo tra i modi di trasporto marittimo e aereo. In tal modo, fattori come il tempo (trasporto, durata delle procedure, ecc movimentazione doganale) ei costi di trasporto sono inclusi trasparente e servono come base per decidere quale modalità utilizzare.

Nel trasporto ferroviario, non vi è in primo luogo una mancanza di trasparenza e certezza del diritto nelle singole procedure di elaborazione ai valichi di frontiera (in particolare a cosiddetti "confini di transito").

A questo proposito, un accordo in base al diritto internazionale a formulare e promulgare la legge in modo trasparente, dove disponibile, sembra essere un primo passo economicamente interessante e naturale al fine di rimuovere gli ostacoli al passaggio di frontiera nel più breve tempo possibile.

Questo è precisamente il compito che COTIF (Convenzione relativa ai trasporti internazionali per ferrovia) impone su di me come il Segretario generale dell'Organizzazione intergovernativa per i trasporti internazionali per ferrovia, OTIF.